22 Ottobre, 2020

Cosa ci insegna Hannah Arendt per studiare la Guerra

Il 13 giugno del 1971 prima il New York Times e poi il Washington Post pubblicavano una serie di documenti segreti divenuti poi noti come Pentagon Papers. Si tratta di 7000 pagine stilate dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti d’America per studiare i rapporti tra USA e il Vietnam tra il 1945 e il […]

L’arte della guerriglia

Gastone Breccia, L’arte della guerriglia, il Mulino, Bologna 2013, pp. 304. Il libro di Breccia non è recentissimo, ma ciò nulla toglie al suo valore e alla sua utilità. Inoltre, le sue riflessioni e ricerche ben si sposano con altri due post precedentmente pubblicati qui e focalizzati sul tema della guerriglia e della guerra irregolare. […]

Karl Heinzen e le origini del terrorismo contemporaneo

Sul numero 3/2019 della Rivista di Politica è uscito un mio doppio contribuito di cui vado particolarmente orgoglioso. Si tratta di un saggio che inquadra la figura di quello che può essere considerato il padre del terrorismo moderno, Karl Heinzen, e della traduzione da me curata del suo saggio Mord und Freiheit, un vero e […]

Terrorism and Counterterrorism: Italian Exceptionalism and Its Limits

I am proud to announce that the article I wrote with the colleague Stefano Bonino titled “Terrorism and Counterterrorism: Italian Exceptionalism and Its Limits” has been published by Studies in Conflict and Terrorism, one of the most important international academic review on terrorism.The aim of this article is to understand why there has not been […]

Sir Michael Howard

Il 30 novembre scorso, il giorno dopo il suo 97° compleanno, ci ha lasciati Sir Michael Howard uno dei maggiori storici militari del mondo fondatore del Department of War Studies presso il King’s College di Londra, regio professore di storia moderna presso l’Università di Oxford, titolare della cattedra “Robert A. Lovett” di storia militare e […]

30 anni dalla caduta del Muro di Berlino

Il 9 novembre di 30 anni fa cadeva il Muro di Berlino in modo quasi parossistico e del tutto inaspettato visto che la folla che si radunò quella sera da una parte e l’altra della Porta di Brandeburgo e presso i pochi valichi di passaggio era lì perché la conferenza stampa di Günter Schabowski, rappresentante […]